Giuseppe Pesce

GIUSEPPE PESCE, nato a Mercato S. Severino, vive ed opera a Salerno. Fin dalla sua prima giovinezza si interessa di arti visive, frequentando studi di pittori e gallerie. Compie gli studi artistici a Napoli e a Salerno. Successivamente amplia gli orizzonti della sua ricerca nei viaggi intrapresi in Germania e Francia, dove ha modo di studiare i grandi della pittura moderna. Nel 1969 gli viene assegnato a Salerno il Premio "Ippocampo d'oro"; nel contempo è invitato a rassegne nazionali ed internazionali riscuotendo notevoli consensi di critica. Ricopre fin dal 1983 l'incarico di Ispettore della Soprintendenza ai B.A.A.A.S. di Salerno, rendendosi, promotore della salvaguardia di un antico "Torchio" ritrovato nell'abbattimento di un casale e ora custodito nel Castello Arechi di Salerno. Ha collaborato alla rivista "Studium Salerno". Sue opere figurano presso:
¬†¬†¬† Fondazione ‚ÄúFiliberto Menna‚ÄĚ, Salerno
    Civica Galleria d’Arte Moderna, Gallarate
¬†¬† ¬†Museo di Arte Contemporanea di Trento e Rovereto ‚ÄúMart‚ÄĚ
    Università degli Studi di Siena
¬†¬† ¬†Frac ‚Äď Fondo Regionale d‚ÄôArte Contemporanea Baronissi
    Galleria Comunale d’Arte Moderna Mercato S. Severino
¬†¬† ¬†Istituto Secolare d‚ÄôArte ‚ÄúUmberto Boccioni‚ÄĚ Napoli
¬†¬† ¬†‚ÄúPan‚ÄĚ Palazzo delle Arti Napoli