Per una politica con la "P" maiuscola

Il nuovo numero del trimestrale «Dialoghi», in una veste rinnovata

LEGGI IL SOMMARIO DEL NUMERO 1/2018

«Chiudiamo questo numero all’indomani delle elezioni politiche in Italia. Si conclude un momento importante della vita del Paese, vissuto con una buona dose di disorientamento e di confusione. Qualcuno ha definito l’ultima campagna elettorale la “fiera dei miracoli”. Promesse fantasmagoriche, soluzioni strabilianti presentate come a portata di mano. Senza occuparsi della sostenibilità o della praticabilità della loro realizzazione. In campagna elet­torale, si sa, tutto diventa possibile e soprattutto le paure trovano un canale in cui rimbalzare dando corpo a interpretazioni della realtà immediate e viscerali e a prospettive di soluzione altrettanto immediate e viscerali. È una strana epoca la nostra. Un’interdipendenza crescente e la paura dell’altro si mescolano ad ogni passo... Oggi più che mai ci sembra di poter dire che, al di là delle formule di governo che verranno trovate, la speranza per il nostro Paese (e non solo...), la possibilità di un futuro più umano, passano attra­verso il pensiero! Se possiamo sperare di vincere l’indifferenza su cui cresce la vio­lenza di ogni genere; se possiamo sperare di sottrarci al gioco per­verso degli interessi di chi vuole alimentare una guerra tra poveri, dobbiamo ricominciare a pensare: a pensare criticamente e a pen­sare insieme».

Con l’editoriale del primo numero del 2018, Pina De Simone, Direttore di «Dialoghi» e docente di Etica e di Filosofia delle religioni alla Facoltà Teologica dell'Italia meridionale, presenta i contenuti del trimestrale culturale promosso dall’Azione cattolica italiana, in collaborazione con l’Istituto “Vittorio Bachelet” per lo studio dei problemi sociali e politici, con l’Isacem - Istituto per la storia dell’Azione cattolica e del movimento cattolico in Italia Paolo VI e con l’Istituto di diritto internazionale della pace “Giuseppe Toniolo”.

Il dossier del numero, Azione cattolica e azione politica, vuole essere un tentativo di leggere i segni dei tempi che ci propongono un’Italia da ricucire, una politica che ha bisogno di ritrovare la “P” maiuscola, e un laicato cattolico che ha fatto la storia d’Italia chiamato oggi a impegnarsi di più nella costruzione di ciò che chiamiamo “bene comune”. Nel dossier, a cura di Paolo Trionfini e Ilaria Vellani, troviamo i contributi di Giuseppe Elia (L’impegno culturale ed educativo), Paolo Nepi (Territorio, territorialità e territorializzazione), Marco Ivaldo (La cura della vita democratica e la partecipazione), Beatrice Draghetti (La promozione delle donne), Matteo Truffelli (In cerca della Politica con la maiuscola).

In quest’ultimo testo, a firma del Presidente nazionale dell’Ac, Truffelli anticipa alcuni spunti sviluppati dall’autore nel suo volume La P maiuscola, in uscita presso l’Editrice Ave. Ulteriore segno dell’attenzione che l’Azione cattolica dedica e intende dedicare alla Politica, intesa come strumento attraverso il quale cercare terreni comuni per pensare e costruire insieme il futuro del Paese.

 

Gianni Di Santo

ufficio stampa@editriceave.it;  cell. 3392466689

 

Share